26 maggio 2020

WEEKEND A MATERA: TRAVEL + STYLE GUIDE


Il paesaggio naturale della Murgia materana ti conquista con scorci mozzafiato e grotte naturali scavate nella pietra. La città di Matera, non a caso primo sito dell'Italia meridionale ad essere inscritto nell'Unesco, ha saputo unire già dall'antichità natura e sviluppo urbano. Il binomio tra cultura e natura è ciò che ancora oggi le conferisce un'aspetto e uno stile unico. La gravina simile ad un canyon, le chiese rupestri, i falchetti che si rincorrono nel cielo blu e le botteghe degli artigiani hanno fatto conoscere i Sassi di Matera al grande pubblico grazie anche ai tanti film che qui sono stati girati. Essi hanno saputo ridare voce e notorietà ad una città che inizialmente era conosciuta per le promiscue funzioni abitative ricavate nella roccia e per il suo isolamento geografico. Caduta nell'oblio per tanto, troppo tempo, quasi come nel finale di un film romantico Matera è stata riscoperta nella sua originaria bellezza. I Sassi, apprezzati dalle nuove generazioni, sono stati ristrutturati e riscoperti come abitazioni preferendoli al più moderno quartiere della città, ricercando in questo modo una continuità che con il tempo si era spezzata. E' qui inoltre che si trovano le attività artigianali più tipiche. Matera va scoperta senza fretta, osservata e senza alcun dubbio amata, perdendosi tra i vicoli del centro storico, dove ad ogni passo c'è un meraviglioso scorcio da fotografare. A Matera si respira l'anima del sud, quella più tipica, tra profumi e sapori che difficilmente si riusciranno a scordare una volta ritornati a casa. 
Tra tutti i luoghi da visitare a Matera, i miei preferiti sono il Palazzo del Sedilela Casa Grotta una ricostruzione di un'abitazione tipica degli anni '50 scavata nella pietra con mobilio ed oggetti che erano in uso, la chiesa rupestre di Santa Maria di Idris, i magnifici belvedere sui Sassi: quello di piazza Vittorio Veneto (da non perdere la visita alla cisterna ipogea, usata in passato come approvvigionamento di acqua) e dalla piazzetta Pascoli (che prende il nome proprio dal poeta italiano Giovanni Pascoli che a Matera insegnò al liceo latino e greco), la Cattedrale in stile romanico pugliese e situata sulla sommità del nucleo abitativo più antico di Matera, la Civita.

Il centro  storico di Matera si visita interamente a piedi scendendo e salendo innumerevoli gradini. Il periodo migliore è sicuramente la primavera inoltrata, mentre durante l'estate si rischia di trovare giornate di caldo molto intenso.  L'abbigliamento va scelto, quindi, in modo accurato: non bisogna dimenticare il cappello, gli occhiali da sole e la crema solare oltre ad un paio di scarpe comode per apprezzare il giro città.                                    
                                                 
        
              
Dall'alto, in senso orario: scorci sui Sassi via @lu_la.c; Matera nel numero 400, dell'agosto 2019 su @bellitalia_magazine; il duomo fotografato da @___muu3; le creazioni di Elisa & Jannagli orecchini di Tory Burch; la borsa in paglia Muun; l'abito a righe gialle Sharagano; le espadrillas in raffia di Manebíil cappello in paglia Brixton; il cucù, tipico fischietto in argilla di Tommaso Niglio; i tessuti dipinti a mano di @feelosophymatera; l'albergo diffuso Sextantio; a spasso tra i Sassi con Sabonhomeblog
Dove non menzionato, le foto sono state scattate da me.

Nessun commento: